Pozzi, Giuseppe

Giuseppe Pozzi
N.
M.

Relazioni di parentela:

Ente/istituzione di appartenenza:
Qualifica: Disegnatore e incisore

Biografia:
Giuseppe Pozzi, omonimo di un altro cartografo vissuto esattamente un secolo dopo, operò, sia come disegnatore che come incisore, dalla metà agli anni ‘40 del XVIII secolo.
Assai scarse sono le notizie reperite sulla sua vita e sul suo operato.

Produzione scientifica:
Nel 1747 disegnò una carta topografica della Provincia del Mugello, con indicazione puntuale – mediante prospettini – di ben 88 ville signorili, che fu incisa da C. Faucci e pubblicata a corredo del noto odeporico intitolato Descrizione della Provincia del Mugello... dell’erudito Giuseppe Maria Brocchi (Firenze, A.M. Albizzini, 1748).
Durante il regno di Pietro Leopoldo (1765-90), eseguì un cabreo delle oltre 20 bandite di caccia e pesca poste entro un raggio di 20 miglia da Firenze (con l'aggiunta posteriore delle bandite pisane di Coltano e S. Rossore e di quella di Sanmezzano presso Reggello, Firenze); la maggior parte erano di proprietà granducale, alcune anche di note famiglie fiorentine (Rinuccini, Corsini, Salviati, Ximenes) (in ASF, Piante dello Scrittoio delle RR. Possessioni, t. XII).
La raccolta, composta dai singoli disegni delle bandite e da una bella e particolareggiata mappa d'insieme in cui compaiono tutte con i rispettivi toponimi, è apprezzabile per la precisione delle rappresentazioni, ove si ha cura di evidenziare le varie destinazioni d’uso agrarie e forestali del suolo, e di particolare interesse per la storia della caccia e della pesca in Toscana.
Lavorò anche con Leonardo Ximenes, incidendo, nel 1775 tre figure che corredano l’opera del matematico Esame dell’esame di un libro sopra la Maremma Senese ripartito in tante note da uno scrittore maremmano (Firenze, Cambiagi, 1775): la Carta dell’antica Etruria, la pianta della città di Roselle secondo i ritrovamenti del 1774 e la pianta con sezione dell’antico anfiteatro rinvenuto nella stessa città (Zangheri, a cura di, 1984, p. 65).
e nel 1781, il disegno del ponte sul fiume Sestaione sulla Strada Modenese, progettato dal noto matematico, e disegnato da Giuseppe Valentini.

Produzione di cartografia manoscritta:
Topografia della Provincia del Mugello situata alle falde degli Appennini in Toscana, delineata da Giuseppe Pozzi e incisa da C. Faucci, 2 agosto 1747;
Prospettiva del Ponte Reale del Sestaione con la sua armatura e castello, delineato con secondo disegno [...], incisione di Pozzi su disegno di Giuseppe Valentini (BNCF, Nuove Accessioni, VII, 151);
Cabreo delle oltre 20 bandite di caccia e pesca di proprietà granducale o signorile poste entro un raggio di 20 miglia da Firenze, seconda metà del XVIII secolo (ASF, Piante dello Scrittoio delle RR. Possessioni, t. XII);
Tre figure incise per Leonardo Ximenes, Esame dell’esame di un libro sopra la Maremma Senese ripartito in tante note da uno scrittore maremmano (Firenze, Cambiagi, 1775): Carta dell’antica Etruria, la pianta della città di Roselle secondo i ritrovamenti del 1774 e la pianta con sezione dell’antico anfiteatro rinvenuto nella stessa città (Zangheri, a cura di, 1984, p. 65).

Produzione di cartografia a stampa:

Fonti d’archivio:

Bibliografia:
Ginori Lisci, 1978, pp. 131-132 e 263; Barsanti, 1992, p. 60; Rombai e Torchia, 1994, p. 190; Zangheri, a cura di, 1984, p. 65; ASF, Piante dello Scrittoio delle Regie Possessioni; BNCF, Nuove Accessioni.

Rimandi ad altre schede:

Autore della scheda: Anna Guarducci