Parascandolo, Vincenzo

Vincenzo Parascandolo
N. 5 aprile 1809
M.

Relazioni di parentela: Indubbiamente è membro di un “clan” familiare legato a questa professione tecnica, ambitissima dalla borghesia ottocentesca di provincia, specie in campo civile. Infatti, un Francesco Parascandolo, forse genitore di Vincenzo, figura nel 1810 come ingegnere aggiunto nel Corpo Reale degli Ingegneri di Ponti e Strade; un Francesco Antonio, nel 1813, come ingegnere ordinario di terza classe nel Dipartimento di Napoli; un Antonio Parascandolo risulta ingegnere di seconda classe addetto alle opere provinciali nel 1818.

Ente/istituzione di appartenenza:
Qualifica: Ingegnere di Ponti e Strade

Biografia:
Nasce il 5 aprile 1809 e muore nella seconda metà dello stesso secolo, se ancora nel 1855 lo ritroviamo attivo come ingegnere di dettaglio, con la qualifica di ingegnere aggiunto, nella provincia di Napoli Primo ripartimento d’Ispezione (DI BIASIO, 1993, p. 207).

Produzione scientifica:
Nel 1839 il Ministro degli Interni, tra tanti altri, lo propone come Ingegnere aggiunto. Figura nell’organico come ingegnere aggiunto a partire dal Decreto 18 agosto 1840. In uno Stato degli averi degli ispettori generali di Ponti e Strade e delle Acque e Foreste e della Caccia, degli Ispettori e degli Ingegneri della varie classi, secondo l‘organizzazione provvisoria del 1836, Vincenzo Parascandolo è in elenco sotto la finca Soldo duc. 15 e Spese d’officio duc.- (nessuno). Si sa che passa alla sezione provinciale provenendo dalla sezione regia e che, in un momento di caos riorganizzativo del Corpo, non diversamente dagli altri colleghi, inoltra un ricorso, messo a stampa (cfr. DI BIASIO, 1993, rispettivamente, alla p. 187, nota 12 e alle pp. 189-190). Sempre nel 1839 il Ministro degli Interni, fra tanti altri, propone V.P. come ingegnere aggiunto (DI BIASIO, 1993, p. 173, nota 133).
Nel Ruolo degli Ingegneri… del 18 marzo 1852, figura nell’organico come «ingegnere aggiunto» a partire dal decreto 18 agosto 1840 (RUSSO, 1967, p. 142), ed è la qualifica con cui si firma nella carta di cui infra, che lo abilitava ad aiutare l’ingegnere in capo nella progettazione dei lavori e ad occuparsi della loro esecuzione. È ancora ingegnere aggiunto, al 43° posto della lista, nel Notamento degli Ingegneri del Corpo di Acque e Strade a tutto il 31 Marzo 1852 e sarebbe dovuto diventare ingegnere di terza classe, con altri 18, nel progetto di riunificazione dei rami. Ancora nel 1855, tuttavia, lo ritroviamo come ingegnere di dettaglio, con la qualifica di ingegnere aggiunto, nella Provincia di Napoli, Primo ripartimento d’Ispezione (per le tre informazioni cfr. DI BIASIO, 1993, rispettivamente, alle p. 202, 199 e 207). In definitiva, ci troviamo di fronte a una figura di medio livello, ma di indole battagliera.

Produzione di cartografia manoscritta:

Produzione di cartografia a stampa:
- Pianta dimostrativa del raccordamento che dalla montagna si spiega nella spiaggia di Maiori. 5 ottobre 1850. F.to: Ingegnere Parascandolo.
ASS, Fondo Intendenza-Strade, b. 2932.

- Pianta dimostrativa del raccordamento dell’ultimo tratto nella marina di Majuri chiesto da taluni abitanti all’Intendente della Provincia nell’accesso avvenuto a’ 9 ottobre 1850, firmato dall’Ingegnere aggiunto V. Parascandolo e controfirmato dall’ingegnere direttore M. Petrilli (s.d., ma 1851).
ASS, Intendenza, b. 2932, F.lo 5.

Fonti d’archivio:

Bibliografia:

Rimandi ad altre schede:

Autore della scheda: Vincenzo Aversano


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.digitaldisci.it/home/wp-includes/functions.php on line 347

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.digitaldisci.it/home/wp-includes/functions.php on line 347