Barone, Giuseppe

Giuseppe Barone
N.
M.

Relazioni di parentela: Figlio di Pasquale e di Annamaria Marelli. Fratellastro di Francesco, nato nel 1801, incisore. Sposato il 7 luglio 1839 con Enrichetta Martinez, dalla quale ha due figli (VALERIO, 1993, p. 448).

Ente/istituzione di appartenenza:
Qualifica: Incisore, topografo, addetto all’esecuzione dello scheletro dei fogli e calligrafo (VALERIO, 1993, p. 448).

Biografia:
Nasce intorno ai primi dell’Ottocento ed è attivo fin oltre i tre quarti del secolo.

Produzione scientifica:
Insieme al fratello Francesco eseguì gran parte dei rami inseriti nel grande album di calligrafia di Giuseppe Palermo, inciso “dai primi bulini del Reale Officio Topografico” e pubblicato nel 1852. Tra i lavori esterni vanno segnalate anche alcune altre incisioni calligrafiche eseguite per un piccolo album disegnato da Luigi Afeltro. Dal 20 maggio 1857 a tutto il mese di giugno 1860 lavorò all’incisione dello scheletro del foglio n. 5 della carta del Regno in scala 1:80.000, contenente la provincia di l’Aquila (VALERIO, 1993, p. 449). Una nota del direttore dell’Officio, colonnello Fridolino Giordano, apposta sullo stato dei lavori eseguiti nel giugno 1860, ci fornisce una valutazione sull’opera di Giuseppe Barone, «che mostra di sempre proseguire nella buona esecuzione dei lavori affidatigli» (ASN, Ministero Guerra, fs.490/2167). Nella Sezione napoletana dell’Ufficio Superiore del Corpo di Stato Maggiore continuò l’incisione del quinto foglio della carta del Regno; il rimanente lavoro fu poco dopo sospeso per «deficienza di personale», come risulta da un’annotazione apposta da Bruno Colao su una prova del rame conservata nell’archivio dell’Istituto Geografico Militare (AIGM, cart. 86). In vero sappiamo che tutti gli incisori furono nominati topografi col decreto del 31 ottobre 1865, che faceva seguito ai decreti del 29 luglio e del 4 agosto relativi alle nuove denominazioni del personale civile dell’Ufficio Superiore (ACS, Ministero guerra, Matricola ufficiali 1871-1880, reg.2 e ANNUARIO MILITARE 1866:93) (VALERIO, 1993, p. 449).

Produzione di cartografia manoscritta:
- Pianta topografica della controversia di confine che verte nel Consiglio di Intendenza di Principato Citra, tra Comuni dell’ex=Stato di Cuccaro e quelli dell’ex=Stato di Novi, levata sulla faccia del luogo da noi sottoscritti nel mese di luglio 1824, in esecuzione di decisione di questo Consiglio del 10 settembre 1823, reg:ta a Salerno il 31 maggio 1824 al N. 6 Lib. 3 Vol. 58 fol. 12 retto. Cap. 4 ric.to ducato 1 e grana venti. F.to: architetti Giuseppe Barone, Antonio Negri e Gaetano Forte (AVERSANO - MANZI, 1987, pp. 45-47).
- Pianta di un territorio, 1824. F.to: Giuseppe Barone (Ing.)
ASS, Tribunale Civile di Salerno, Fondo Perizie, Vol. 897.
- Pianta di un fabbricato in Tramonti. Salerno, 29 settembre 1824. F.to Giuseppe Barone, Domenicantonio Napoli e un terzo nome non leggibile.
ASS, Tribunale Civile di Salerno, Fondo Perizie, b. 897, c. 183.

Produzione di cartografia a stampa:

Fonti d’archivio:

Bibliografia:

Rimandi ad altre schede:

Autore della scheda: Giuseppe Aversano