Canavasso, Carlo Antonio Ludovico

Carlo Antonio Ludovico Canavasso
N. Torino
M.

Relazioni di parentela: Figlio di Giovanni Battista (v. scheda) e padre dell’architetto Giacomo Vincenzo. Nei registri dell’archivio dell’Università compare anche Ignazio Maria Canavasso, di Torino, esaminato per le professioni di ingegnere ed architetto il 3 dicembre 1731 ma respinto (Arch. Storico Univ. di Torino, Registro degli esami di architetti, misuratori e maestri de’ conti, X.D.1, f. 57).

Ente/istituzione di appartenenza:
Qualifica: architetto, misuratore

Biografia:
Attività documentata dal 1737 al 1785

Produzione scientifica:
Esercita la professione su una Piazza da misuratore per la città e territorio di Torino che prende in affitto, a partire dal 1744, prima da Giulio Bello (ASTO, Controllo Generale Finanze, Notai e Misuratori, reg. 3, f. 14), in seguito dalle Regie Finanze (Ivi, reg. 5, f. 8 b., patenti 30 gennaio 1748), poi nuovamente dalla famiglia Bello (Ivi, reg. 10, f. 94, patenti 17 maggio 1754) e infine da Baldassarre Capello (Ivi, reg. 20, f. 21, patenti 22 febbraio 1765). Il 1° marzo 1768 gli viene ceduta una Piazza da misuratore per Torino dalla cognata, Teresa Soleri vedova Canavasso, che “vi ha rinunciato in suo favore” (Ivi, reg. 24, f. 10 v., patenti 14 luglio 1769).
La produzione cartografica a lui attribuibile è molto varia, sia come committenza, sia dal punto di vista dell’oggetto delle rappresentazioni e ne testimonia l’attività almeno sino al 1785, non solo nel Torinese, ma anche nel Cuneese, ad Ivrea, ad Asti e nel Vercellese.

Produzione di cartografia manoscritta:
- Tipo Geometrico da qualche tratto superiormente all’Imboccatura della Bealera Miglia nel territorio di Cuneo sin’alla Nave di Montanera, nel quale resta delineato il corso della Stura, suoi rispettivi Bracchj, e diramazioni […], sottoscritta Carl’Antonio Canavasso e Giuseppe Castelli, 21 febbraio 1753 (ASCN, Dipartimento della Stura).
- Tipo regolare di due pezzi di campo [...] posti nel territorio di Pianezza, 21 giugno 1762 (ASTO, Carte Topografiche e Disegni, Ufficio Generale delle Finanze, Tipi cabrei e disegni – sezione II, Pianezza, 162).
- Beni sui confini di Superga, 12 maggio 1762 (ASTO, Carte Topografiche e Disegni, Ufficio Generale delle Finanze, Tipi cabrei e disegni - sezione II, Superga, 98).
- Figura dimostrativa del Sito di Contrada nella Città d’Ivrea, laterale alla Fabbrica, / e Vigna del Convento de’ MM.RR.PP. di S.t Agostino, e tendente verso quello de’ MM.RR.PP. Dottrinarj, in cui li detti PP. di S.t Agostino / desiderano di Avvanzare, e proseguire la detta Loro Fabbrica, insieme alla dimostrazione de’ siti, stati dalli stessi PP. di S.t Agostino abbandonati / Verso, ed à benefizio della stessa Contrada, e frà Le Chiese del Gesù, e S.t Michele, all’Occasione, che anno[sic] riedificata una parte di detta Loro Fabbrica, ed / il tutto Coerentemente al seguente Indice, 2 maggio 1769 (ASTO, Carte Topografiche e Disegni, Controllo Generale di Finanze, Tipi annessi alle patenti sec. XVIII, Ivrea, 28).
- Tipo o sia Piano presso che regolare del Corso di parte del Torrente Elvo frà li Territorj di Quinto, e Collobiano, coll Esatta designaz.ne / della ficca controversa, e siti laterali, trà gl'Ill.mi SSg.ri Conti Avogadro di Quinto, e della Motta, dà me infras[crit]to Ing.re formato à rich.ta del S.r Conte di Quinto, 22 aprile 1771 (ASVC, Arch. Avogadro di Quinto, Disegni, n. 12).
- Tipo regolare di parte del Corso del Fiume Pò, e de’ Beni de’ / Particolari Coerenti a’ detto Fiume, 26 giugno 1773 (ASTO, Carte Topografiche e Disegni, Controllo Generale di Finanze, Tipi annessi alle patenti sec. XVIII, Po fiume, 62).
- Figura dimostrativa delle infrascritte case nel Borgo al di quà del F. Po, 21 marzo 1774 (ASTO, Carte Topografiche e Disegni, Camerale Piemonte, Tipi art. 663, Po fiume, 97).
- Tipo che dimostra la porzione del territorio di Vaglierano su cui si possono estrarre [...] le acque di Borbore [...], 6 aprile 1776 (ASTO, Carte Topografiche e Disegni, Camerale Piemonte, Tipi art. 663, Vaglierano, 159).
- Fianco della Chiesa del Corpus Domini, casa del conte Tommaso Robesti di Cocconito e sito verso la Chiesa e la casa predette verso i portici della contrada del palazzo di Città, allegato agli atti della causa per la ricostruzione della casa Robesti, 3 novembre 1778 (Arch. Storico Comune di Torino, Carte sciolte, 994).
- Tipo regolare da me sottoscritto formato a richiesta dell’Illma Città di Carmagnola riguardante la Strada Reale di Racconigi sul Territorio della medesima, colla / designazione di due progetti per riparare la predetta Strada affine di renderla traghettabile in ogni tempo, soda, e fuori dall’acque [...], 21 marzo 1783, copia di Carlo Antonio Canavasso estratta da un originale di Gio Golzio del 14 febbraio 1783 (ASTO, Carte Topografiche e Disegni, Controllo Generale di Finanze, Tipi annessi alle patenti sec. XVIII, Carmagnola, 176).
- Pianta regolare della parte Esteriore del Fabbricato dell’Ill.mo Sig.r Conte Giò Franco / Leone di Tavagnasco, situata in questa Città, sotto la Parocchia del Smo Salvatore, / coll’Andamento delle Contrade, che la Circondano dalle parti di Levante, e Notte, 28 febbraio 1785 (ASTO, Carte Topografiche e Disegni, Controllo Generale di Finanze, Tipi annessi alle patenti sec. XVIII, Ivrea, 204).

Altre opere di interesse cartografico e geografico
- Perizia di stima della casa municipale detta della “Volta Rossa” nell’isola di S. Pancrazio ad opera degli architetti Sebastiano Riccati, Carlo Antonio Canavasso, Gio Batta Pagano, 1774 (Arch. Sto. Città di Torino, Carte sciolte, 4243).

Produzione di cartografia a stampa:

Fonti d’archivio:

Bibliografia:
- C. BRAYDA-L. COLI-D. SESIA, Specializzazioni e vita professionale nel Sei e Settecento in Piemonte, in “Atti e rassegna tecnica della Società Ingegneri e Architetti in Torino”, Nuova serie, 17 (1963), n. 3, p. 95-96.

Rimandi ad altre schede: Giovanni Battista Canavasso

Autore della scheda: Elena Marangoni